Che cos’è l’e-commerce D2C (Direct-to-Consumer)?

Che cos’è l’e-commerce D2C (Direct-to-Consumer)?

I marchi e i grossisti di tutto il mondo hanno cambiato la strategia di vendita al dettaglio D2C, ma cos’è il D2C?

Le strategie D2C, o direct-to-consumer, consentono alle aziende di marchi di eliminare gli intermediari e vendere i loro prodotti direttamente ai loro clienti attraverso i mercati digitali. La vendita diretta ai consumatori offre a queste aziende un maggiore controllo sui processi aziendali e sui canali di distribuzione.

L’ascesa di D2C

Sebbene la strategia D2C non sia un concetto nuovo, molte aziende di e-commerce hanno visto il vero potenziale della vendita diretta al consumatore alla luce della pandemia del 2020. I punti vendita fisici stavano chiudendo i battenti e alcuni siti Web di marketplace di e-commerce stavano rallentando a causa del massiccio aumento del traffico. Molti clienti hanno iniziato a fare acquisti direttamente dai loro marchi preferiti, portando all’ascesa del modello D2C.

Le vendite D2C di e-commerce negli Stati Uniti sono in aumento senza alcun segno di rallentamento. Le vendite previste per il 2021 sono di 21,25 miliardi di dollari, più del triplo rispetto a soli quattro anni fa. Questa tendenza negli Stati Uniti sta accadendo anche a livello globale. Il 40% degli utenti di Internet indica che entro i prossimi 5 anni il 40% degli acquisti proverrà da marchi diretti al consumatore.

 

Vantaggi del modello direct-to-consumer

La vendita di D2C offre vantaggi sia al marchio che ai suoi clienti. I consumatori ottengono un’esperienza più personalizzata e le aziende di e-commerce possono aumentare i margini di profitto e la fedeltà dei clienti.

 

Margini di profitto maggiori

C’è una semplice ragione per cui i marchi D2C vedono margini di profitto maggiori rispetto ad altri venditori di e-commerce: nessun intermediario sta tagliando il prezzo al dettaglio del loro prodotto.

A causa di questi margini di profitto più elevati, molte aziende D2C scelgono di abbassare i prezzi dei loro prodotti sui propri canali rispetto ad altri rivenditori. Secondo Retail Dive, i prezzi più bassi sono il motivo numero uno per cui i consumatori scelgono i marchi D2C rispetto ad altri, seguiti da vicino da semplici politiche di restituzione e spedizione rapida e gratuita.

 

Esperienza cliente personalizzata

I marchi diretti al consumatore ottengono dati di qualità superiore sui propri clienti che di solito non riescono a vedere quando vendono attraverso un grande rivenditore. Utilizzando questi dati, i venditori D2C possono creare un’esperienza più personalizzata per i propri clienti, il che è fondamentale, considerando che l’80% degli acquirenti acquisterebbe invece da marchi che offrono maggiore personalizzazione. Uno studio McKinsey ha scoperto che la personalizzazione porta a:

  • Riduzione del 10-20% dei costi di marketing e vendita
  • Tasso di soddisfazione del cliente superiore del 20%
  • 10-15% in più di tassi di conversione delle vendite
  • Maggiore fedeltà al marchio

 

I clienti fedeli sono la base di qualsiasi attività di e-commerce D2C. La vendita diretta al consumatore offre ai marchi alcuni vantaggi in questo reparto rispetto ai mercati all’ingrosso. I venditori D2C possono aiutare a costruire la fedeltà al marchio facendo cose come:

  • Offrire programmi di ricompensa per i clienti fedeli
  • Invio di note scritte a mano con gli ordini dei clienti
  • Fornire suggerimenti e trucchi sulle piattaforme di social media

 

Secondo Bain & Company, la fedeltà al marchio porta anche alla fidelizzazione dei clienti e, secondo Bain & Company, basta un aumento del 5% dei clienti fedeli perché un’azienda possa ottenere il 25% in più di profitti.

 

Come preparare la tua attività di e-commerce per D2C

Mentre le strategie esatte variano da marchio a marchio, ecco tre considerazioni per iniziare con D2C:

Crea un piano di processo

Quando passi a una strategia D2C, aumenti i tuoi profitti non utilizzando un intermediario, ma perdi alcuni vantaggi che ne derivano, ovvero dovrai gestire direttamente le richieste dei clienti. O tu o i tuoi dipendenti dovrete assumere il ruolo del servizio clienti per interagire con i clienti piuttosto che fare affidamento su intermediari.

Le piattaforme di gestione del mercato come ChannelEngine possono aiutare ad alleviare l’onere occupandosi dei resi e gestendo le informazioni di spedizione e tracciamento, il che significa meno richieste da gestire per il tuo team.

Scegli i canali giusti

Quando passi a un modello di business diretto al consumatore, dovrai determinare quali canali utilizzare per raggiungere i tuoi clienti. Gli aspetti più importanti da considerare quando si scelgono i canali adeguati per la propria attività D2C sono: offrire ai clienti un’esperienza di acquisto fluida e senza problemi e garantire che l’esperienza sia la stessa su ogni canale. I canali D2C su cui concentrarsi sono:

  • Mercati online per connettere il tuo negozio con i clienti in tutto il mondo
  • Piattaforme di e-commerce per integrare il tuo negozio con i sistemi di back-end esistenti
  • Canali di clic e annunci per le tue iniziative pubblicitarie dirette al consumatore
  • Integrazione con i marketplace

Andare direttamente al consumatore non significa che puoi vendere i tuoi prodotti solo sul sito web della tua azienda. Con gli strumenti giusti, puoi integrare la tua attività con i più grandi marketplace nazionali e internazionali.

Con ChannelEngine, puoi integrarti completamente con mercati come Amazon ed eBay mentre evadi gli ordini attraverso i tuoi sistemi. Puoi anche incorporare le migliori piattaforme di e-commerce come Shopify e WooCommerce con i plug-in gratuiti di ChannelEngine, senza bisogno di codice.

Pronto a fare il passo successivo per le tue attività di e-commerce?